La contesa tra Inghilterra e Scozia

Seconda Parte

L’edizione del 1938 è storicamente rilevante perché coincise con la prima diretta televisiva di sempre di un match di rugby a 15: la BBC teletrasmise la vittoria scozzese per 16-11 a Twickenham, incontro che non valse solo la Calcutta Cup ma anche la vittoria nel torneo e la Triplice Corona.

A tutto il Sei Nazioni 2019 la Calcutta Cup è stata messa in palio 126 volte e l’Inghilterra, a tale data, l’ha vinta 70 volte a fronte delle 40 della Scozia; in altre 16 occasioni la sfida si concluse in parità (la più recente delle quali nel 2019, con la Scozia detentrice, che ha visto a Londra un pareggio per 38-38). Nei casi in cui la sfida non abbia un vincitore il trofeo rimane in possesso della squadra che lo deteneva. Fatta salva la prima edizione in assoluto, nella quale non esisteva un detentore precedente, l’Inghilterra vanta 11 pareggi da detentrice, il più recente dei quali nella citata edizione del 2010, mentre la Scozia ne conta altresì 4, il più recente nel 2019.

La Scozia, la cui più recente conquista è del 2018 con difesa riuscita pure l’anno seguente, non vince il titolo in casa dell’Inghilterra dal 1983; quest’ultima vanta la serie più lunga di vittorie, nove, tra i Cinque Nazioni del 1991 e 1999; più in generale, nell’era professionistica (dall’edizione 1996), solo in quattro occasioni l’Inghilterra non ha vinto la Calcutta Cup a parte i citati pareggi del 2010 e 2019; la più recente vittoria dell’Inghilterra, quella del 2020, è giunta a Edimburgo in casa della Scozia.

Inoltre, inglese è anche il giocatore che vanta il record di punti marcati in un incontro valido per la Calcutta Cup: si tratta di Jonny Wilkinson che il 3 febbraio 2007, nella gara d’apertura del torneo, marcò 27 punti nella gara vinta 42-20 dalla sua squadra. Il miglior realizzatore scozzese in una gara singola è invece Gavin Hastings, che marcò 21 punti nella miglior vittoria di sempre della sua compagine contro gli inglesi, 33-6 nel Cinque Nazioni 1986