Articolo di Snorri Sturlarson

I Coventers

Dopo aver visto le devastazioni delle truppe di Cromwell nella cattolica Irlanda, la Scozia parve rendersi conto che la sua indipendenza nazionale sarebbe stata perduta definitivamente e proclamò il diritto di sovranità del figlio del re, Carlo II.

La rivolta partì come al solito dalle Highlands e fu comandata  da una delle più brillanti figure  di leader militare  della Scozia: James  Graham, Marchese di Montrose, gia covenanter, che offrì la sua spada al Re, iniziando le operazioni di guerriflia nel nord con pochissime truppe..

A suo fianco però accorsero successivamente  circa un migliaio  di uomini discesi dal nord, dalle Ebridi e irlandesi sbarcati in Scozia.

Il coraggio di capi come Alasdair McDonald o Manus Roe o’Cahan  venne disciplinato dall’intelligenza militare di Montrose.

Quest’ultimo  dopo una serie di strepitose vittorie, di cui una sul suo personale nemico Argyll, venne tradito, consegnato  ai suoi nemici e giustiziato ad Edimburgo nel 1650.

Qui si conclude praticamente l’ avventura dei covenanters, che osteggiati anche durante la Restaurazione alla fine della Guerra Civile, riebbero  la piena libertà religiosa  solo con la Gloriosa Rivoluzione del 1689.