Arriva la primavera

Quarti di finale

A Marzo Aberdeen ritorna in Coppa Campioni e dall’urna viene estratto il Goteborg, gli svedesi sono una grande squadra da non sottovalutare e poi per ogni tifoso Dons. Lo stadio Ullevi fa ricordare la magica notte della finale Coppa delle Coppe. L’andata però stavolta è ad Aberdeen al Pittodrie ci saranno ben 22.000 spettatori. Già al ’16 il Pittodrie esplode Black serve Miller che solo davanti al portiere non sbaglia, Dons in vantaggio. Quando tutti pensano di andare a bere un bel thè caldo in vantaggio ecco che Holmgren riceve palla e un tiro da fuori area supera Cooper. Nella ripresa il tempo passa ed ecco che al’80 su un lungo rinvio di Cooper la palla supera tutti e si appoggia sul piede di Hewitt che insacca ed 2-1. Ma ecco di nuovo la beffa al ’89 lancio lungo di Peterson che pesca Ekstrom si in vola Angus prova ad atterrarlo senza riuscirci e per lui è un gioco da ragazzi superare Cooper. Cala il silenzio sul Pittodrie, nessun vuole crederci, ora serve un impresa vincere in Svezia

Ritorno

A Goteborg armata biancorossa si presenta in massa vuole star vicino alla sua squadra, sa che la posta in paio è importante. I Dons partono subito all’attacco sanno che non hanno niente da perdere ed un goal all’inizio, taglierebbe le gambe al Goteborg. Ma si scontrano contro il muro svedese che ogni tanto esce dalla sua area. I primi ’45 minuti non regalano forte emozioni, anche se Aberdeen gioca meglio. Nella ripresa la musica non cambia, anzi c’è un calo dei Dons con i minuti che passano e gli svedesi tengono il campo, fino alla gioia al ’90 per una storica qualificazione in semifinale .