Articolo di Snorri Sturlarson

Un’oscura pagina della storia scozzese

Per i clan era una tradizione di lunga data offrire ospitalità ai viaggiatori e, poichè il comandante era un parente acquisito dei Mc Lain, le truppe furono alloggiate nelle case dei McDonald. Dopo essere stati ospitati per dodici giorni, i soldati ricevettero l’ordine di attaccare i ribelli McDonald di Glencoe e passare a fil di spada tutti i membri del clan al di sotto dei settanta anni di età. I soldati attaccarono i loro ospiti alle cinque del mattino del 13 febbraio, uccidendo McLain e altre 37 persone tra uomini, donne e bambini. soldati cercarono di avvertire i McDonald di cosa stava per accadere, dando loro l’occasione per fuggire, ma molti cercrono rifugio sulle colline ricoperte di neve, dove altre 40 persone morirono per il freddo. L’estrema brutalità dell’episodio causò una sollevazione popolare ,e dopo una inchiesta conclusasi anni dopo, Darlymple perse il suo incarico. Nel villaggio di Glencoe sorge un monumento dedicato a McLain; qui i membri del clan McDonald si riuniscono ancora ogni anno il 13 febbraio per deporre una corona di fiori in sua memoria.